Ketchup fatto in casa

Nella nostra quotidiana ricerca per essere autosufficienti non poteva mancare la autoproduzione di ketchup, quella salsa rossa, generalmente abbastanza piccante, che accompagna mirabilmente patatine fritte, hot dog, hamburger, fritto in generale.

Dopo aver dato una sbirciata agli ingredienti che compongono la maggior parte dei ketchup in commercio non era proprio pensabile continuare ad acquistarli, quindi ecco che ci siamo date da fare in casa!

Nella migliore delle ipotesi ci sono grandi quantità di additivi (acido benzoico) e di esaltatori di sapidità che hanno la funzione di addormentare le papille gustative e impedire la valutazione della qualità degli ingredienti utilizzati.

Nel nostro ketchup ci sono pochi prodotti, niente conservanti e additivi vari, per di più è facile da farsi e il risultato è assicurato.

Da quando ce lo siamo preparate la prima volta non abbiamo più acquistato quello pronto.

Un altro passo nel nostro percorso di autosufficienza! 😉

Ketchup fatto in casa senza conservanti

Ingredienti

  • Gr 250 passata di pomodori

  • Gr 250 pomodori maturi

  • N. 1 cipolla bianca

  • N. 10 foglie di basilico fresco
  • 
N.     2 cucchiaino di sale
  • 
N.   10 cucchiaini di zucchero

  • N.     1 Bicchiere aceto bianco

  • Spezie miste composte da
  • n. 1/2 cucchiaino    
  • Noce moscata

  • Zenzero
 1/2.                      
  • Paprica piccante
 1/4.                      
  • Chiodi di garofano in polvere
 1                          
  • Senape in polvere

Istruzioni

  • Laviamo bene i pomodori maturi, spezzettandoli e mettendoli a cuocere nel tegame nel quale abbiamo messo anche la salsa di pomodoro, la cipolla e le foglie di basilico. Dopo mezz’ora di cottura a fuoco dolce abbiamo passato tutto al passaverdure e rimesso sul fuoco unendo il sale, lo zucchero, l’aceto e le spezie.
  • Altri venti-venticinque minuti di cottura e il nostro ketchup è pronto per essere messo nei barattoli sterilizzati, dopo due giorni si può utilizzare.
  • Si conserva in frigorifero per 40-45 giorni, rabboccando ogni tanto di olio. (un cucchiaino di olio evo, non di più)
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *